bambini

 
 

Annalisa Minetti perde il bambino. Cosa può provocare interruzioni spontanee della gravidanza?

annalisa-minetti-cantante-e-atleta-paralimpica

La cantante e atleta paralimpica Annalisa Minetti al terzo mese di gravidanza ha perso il bambino che attendeva. Un dolore ancora più forte, per la Minetti poiché è la seconda volta. Annalisa Minetti al momento è comunque in ottime condizioni e ha ripreso a pieno il suo lavoro. Nonostante il dispiacere la Minetti e suo marito Michele non intendono rinunciare al sogno di avere un figlio e la cantante ha intenzione di trasformare questo dolore in un modo per stare vicino alle donne che hanno vissuto il suo stesso dramma. Perché accade?Read More


I consigli del pediatra e dell’ortopedico su sport e vacanze

Bambini-Palla

Meno compiti e più sport, meglio ancora se all’aria aperta e insieme ai coetanei. Il pediatra Italo Farnetani, ordinario alla Libera Università Ludes di Malta, si è espresso su come sfruttare al meglio le vacanze dopo la chiusura delle scuole: “I compiti sono un controsenso psicopedagogico e medico. Il bambino ha studiato tutto l’anno e si deve riposare e l’arrivo del caldo sottopone a un ulteriore stress l’organismo. Inoltre stare sui libri durante l’estate è diseducativo perché i bambini sono svogliati e perdono la grinta. Per questo di fronte ai compitiRead More


Quali benefici hanno gli animali da compagnia sui bambini?

XXXXX-1

Lo stress purtroppo non risparmia nemmeno i bambini, ma, per aiutarli a ridurlo, un animale da compagnia potrebbe essere un valido aiuto! Degli studi avevano dimostrato che cani e gatti aiutano gli adulti a ridurre lo stress, quindi per verificare se lo stesso accade per i bambini, i ricercatori dell’Università della Florida (UF) di Gainesville, guidati da Darlene Kertes, del dipartimento di psicologia, hanno selezionato per il loro studio circa 100 bimbi tra i 7 e i 12 anni. Per testare i livelli di stress, i ricercatori hanno dovuto aumentare i loroRead More


Quanto sono preparati gli italiani sulla salute dei denti dei propri bambini?

Bambini_igiene-orale

Dall’indagine EduCarie dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa (AIC), è emerso che c’è stata una ripresa per quanto riguarda la salute dentale dei bambini italiani. La ricerca è stata effettuata su mille genitori di under 14: il 90% ha dichiarato di essersi rivolto al dentista almeno una volta nell’ultimo anno. Tuttavia, oltre il 50% dei genitori ignora che l’eccesso di zuccheri o una scarsa igiene orale siano fra i maggiori responsabili delle carie e il 64% non sa che possono evolvere in pochi mesi. Appena il 20% sa cheRead More


Un cerotto contro le allergie?

Latte-asina-bambini-allergici-al-latte-vaccino

Lo affermano I risultati di alcuni studi presentati a Roma al Congresso annuale della World Allergy Organization, promosso dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, hanno affermato che in futuro un cerotto potrebbe essere in grado di vaccinare le persone allergiche agli alimenti. Negli studi finora eseguiti, questi cerotti riescono ad aumentare la tolleranza per le arachidi e per il latte. Il trattamento viene ben tollerato senza reazioni allergiche, ma in alcuni pazienti si è osservato un aumento delle reazioni cutanee eczematose locali. Al momento il metodo più usato per coloro che soffrono di gravi allergieRead More


L’attività fisica alleata contro i disturbi alimentari?

sport-depressione-620x350

La dottoressa Carmela Bagnato, dietologa dell’asl di Matera, ha spiegato che associare il movimento alla sana alimentazione è fondamentale anche per la mente. “Prima di tutto – ha spiegato il medico – c’è distinzione tra attività fisica e sport. Ai fini della prevenzione è sufficiente dell’attività fisica, va bene anche solo camminare a passo veloce per 45 minuti almeno per 5 giorni alla settimana. Naturalmente, è un discorso valido per persone giovani, adulte e sane, perché in presenza di patologie o di invecchiamento le raccomandazioni sono diverse ed è beneRead More


Bimbi con il mal di pancia? Fate il test del salto!

img-8534

Un dolore diffuso tra i bambini è quello addominale. comunemente chiamato “mal di pancia”. Esso può essere provocato da errori alimentari, soprattutto legati al fatto che i bambini mangiano poca frutta e verdura, ma anche dalla tensione emotiva, infatti aumenta durante i periodi più difficili dell’anno scolastico, talvolta invece, all’origine possono esserci anche banali infezioni dell’apparto digerente o della gola, molto diffuse soprattutto nei bambini con meno di 6 anni. In queste situazioni, però, la preoccupazione dei genitori è che si tratti di appendicite; per capire l’origine e la gravità di questo doloreRead More


Nuovo vademecum dei pediatri per malattie esantematiche

bambina-visita-pediatra.600

I pediatri sono scesi in campo con un vademecum a causa della riduzione delle vaccinazioni. Tra le patologie infettive più frequenti troviamo morbillo, rosolia, varicella e scarlattina, che si caratterizzano con eruzioni cutanee, a queste si aggiungono parotite e pertosse, entrambe molto contagiose e spesso accompagnate da febbre, tosse, prurito e talvolta dolore. Il primo consiglio è quello di rivolgersi al pediatra per stabilire la diagnosi corretta e avere indicazioni per la cura. “Ad eccezione della scarlattina, si tratta di malattie prevenibili con la vaccinazione, che rimane in assoluto la migliore armaRead More


C’è davvero una correlazione tra acidi grassi omega 3 e l’intelligenza dei neonati?

bambini-e-neonati-saggezza-popolare

Gli acidi grassi omega 3 non sembrerebbero rendere i neonati più intelligenti se assunti nel latte artificiale, lo ha afferma una revisione degli studi in materia pubblicata dalla Cochrane Collaboration. I ricercatori hanno combinato i dati di 15 studi per un totale di 1900 bambini, in cui sono stati confrontati bambini che avevano assunto latte artificiale addizionato di acidi grassi insaturi, compresi gli omega 3. In alcuni studi sono stati riscontrati piccoli miglioramenti nelle capacità cognitive o nella visione nei bimbi che hanno assunto i supplementi, ma altri non hanno avutoRead More


Quali benefici possono portare 10 minuti di attività fisica al giorno nei bambini?

anhängen-abhängen-e1299600474295

I bambini dovrebbero svolgere dieci minuti di attività fisica intensa al giorno, magari anche tramite il gioco. E’ possibile così ridurre il rischio di sviluppare problemi di cuore e alcune malattie metaboliche come il diabete. Ad evidenziarlo è una ricerca internazionale guidata dal Wake Forest Baptist Medical Center, pubblicata sulla rivista Medicine & Science in Sports & Exercise, che ha analizzato i dati di 11.588 giovani, dai 4 ai 18 anni. Sono stati presi in considerazione l’età, il sesso, il livello di attività fisica e almeno un biomarcatore di rischio cardiometabolico.Read More


Succo di frutta ai bambini, sì o no?

come-preparare-un-succo-di-frutta-per-bambini_65aff1a99865504c296a6cb5145fe623

Secondo alcuni esperti potrebbero portare un maggiore rischio di obesità, ma un nuovo studio guidato dalla University of Washington di Seattle ha evidenziato che assumendoli con moderazione si può evitare l’aumento di peso. Per la ricerca, pubblicata sulla rivista Pediatrics, revisionando la letteratura scientifica gli studiosi hanno selezionato otto studi che hanno coinvolto nel complesso 34470 bambini, utilizzando il punteggio di Bmi, che metteva in rapporto l’indice di massa corporea con l’età dei piccoli. E’ risultato che un consumo giornaliero di una quantità tra 18 e 24 centilitri di succo di fruttaRead More


Lezioni di nuoto per salvare i bambini affetti da autismo

786479410-bambini-piscina

Una ricerca della Columbia University Mailman School of Public Health di New York, pubblicata su American Journal of Public Health ha suggerito che delle lezioni di nuoto potrebbero salvare la vita di molti bimbi con disturbi dello spettro autistico. Gli studiosi hanno preso in esame 32 milioni di certificati di morte, identificando 1367 persone con autismo morte tra il 1999 e il 2014, 1043 dei quali erano maschi, 324 femmine. Hanno osservato che il numero annuale delle morti per autismo in 15 anni era aumentato di sette volte. L’età media dellaRead More


Cosa rischiano i nostri occhi a causa degli smartphone?

bambino-con-smartphone

Secondo l’OMS il disturbo da occhio secchio è tra i più sottovalutati, ma con il sempre maggiore utilizzo di smartphone e tablet è oggi sempre più frequente, soprattutto fra i bambini nativi digitali, l’80% dei quali già fra i 3 e i 5 anni è in grado di usare il telefonino dei genitori, l’11% a 10-11 anni ha uno smartphone e il 4% un tablet. La sindrome da occhio secchio comporta bruciore e prurito insistente, lacrimazione irregolare e nei casi più gravi dolore e fastidio come se ci fosse la presenza diRead More


Le nuove nascite privano di sonno più le mamme o i papà?

new born infant asleep in the blanket in delivery room

Le donne, a differenza degli uomini, dormono troppo poco per via dei figli e questo ha delle ricadute sulla salute generale e potrebbero risentirne il cuore, la mente ed il peso. Questo è quanto è emerso da uno studio, che sarà presentato al 69° Congresso dell’American Academy della Neurology. Il team ha esaminato i dati di 5.805 persone, ai partecipanti è stato chiesto quanto tempo hanno dormito e sono stati esaminati inoltre razza, educazione, stato civile, numero di figli nel nucleo familiare, reddito, indice di massa corporea, esercizio fisico, occupazione e il russareRead More


Scopri il “test dei 20 metri” per la prevenzione del cuore dei bambini

malattia-sever-tallonite-noene

Grazie al “test dei 20 metri” o “Shuttle Run Test” è possibile capire se un bambino è a maggior rischio di sviluppare malattie cardiovascolari in futuro. Il test consiste nel correre coprendo una certa distanza a una velocità che cresce progressivamente, una prima valutazione può essere effettuata a scuola dall’insegnante di educazione fisica. Questo è quanto è emerso da uno studio internazionale coordinato dall’Università spagnola di Grenada, pubblicato sul British Journal of Sports Medicine. I ricercatori hanno revisionato sette studi, che hanno coinvolto complessivamente 9mila bimbi e adolescenti, di età compresa tra gliRead More


image_pdfimage_print