Home»Enciclopedia»PARLIAMO DI: CANCRO ALLA PROSTATA

PARLIAMO DI: CANCRO ALLA PROSTATA

0
Shares
Pinterest Google+

Il cancro alla prostata rappresenta il tumore più frequente negli uomini e, purtroppo, spesso non si manifesta attraverso sintomi precoci. Infatti, nelle sue fasi iniziali, il tumore della prostata è totalmente asintomatico, ciò significa che il paziente non avverte alcun campanello d’allarme, rimanendo totalmente ignaro della condizione.

Questo tipo di tumore colpisce, nel 40% dei casi, soprattutto dopo i 50 anni ed il rischio aumenta con l’età.
Il più importante fattore di rischio è la familiarità, e questo rischio aumenta significativamente se ad esserne affetto è un parente di primo grado. Altri fattori sono rappresentati dall’età avanzata, lo stile di vita e l’infiammazione della prostata.

La diagnosi di cancro della prostata richiede l’integrazione di tre elementi diagnostici: esplorazione digito-rettale, dosaggio del PSA ed ecografia prostatica. Inoltre, il sospetto dovrà essere confermato tramite biopsia prostatica su guida ecografica.

Molti tumori di questo tipo si rivelano poco aggressivi, rimangono confinati alla prostata e hanno un decorso abbastanza lento; ciò significa che i pazienti possono convivere col tumore per anni senza affrontare particolari terapie. Quando necessarie, invece, le opzioni terapeutiche sono molteplici e piuttosto efficaci come: la chirurgia (prostatectomia radicale), la radioterapia o la terapia medica ormonale. Per i casi più aggressivi le opzioni potrebbero essere meno efficaci, ma la probabilità di guarigione rimane buona.

Per una corretta prevenzione del cancro della prostata è opportuno effettuare, almeno una volta all’anno, una visita urologica di controllo ed un dosaggio del PSA a partire dall’età di 50 anni, anticipando lo screening all’età di 45 anni in caso di familiarità.

FONTE: Controllati.it

Previous post

COSA FARE QUANDO VA VIA LA VOCE? ECCO ALCUNI CONSIGLI

Next post

GIORNATA MONDIALE DELLE MALATTIE RARE 2019