attività fisica

 
 

Come ti prepari per Cardo Race? Il ruolo dei polifenoli nella corsa

runnerdrink

L’estate, in molti, si risveglia la voglia di attività fisica. La mente con meno problemi, lo staccare dal lavoro, la spensieratezza, il guardarsi in sovrappeso, la semplice compagnia, porta molti di noi a iniziare o ricominciare a correre e a svolgere esercizi fisici. E’ sicuramente un momento propizio per approfittare di questa volontà, abbinando subito alle attività una rinnovata cura per il nostro benessere, a partire dall’alimentazione. Non si deve per questo rinunciare a godere di un buon gelato estivo, a meno che il nostro medico, viste le ultime analisi,Read More


Correre d’estate? Certo, ma con alcune accortezze. Ecco come fare.

caldo

Iniziamo con il dire che il forte caldo è pericoloso e comporta dei rischi per l’organismo. Questo aspetto riguarda in maggior modo chi dedica tempo all’attività fisica all’aperto. Durante le attività, infatti, il nostro corpo è impegnato a trasformare il cibo in energia, e questo produce, di per se, calore che deve essere disperso dal corpo tramite la traspirazione; producendo sudore il corpo si raffredda, perdendo però, contemporaneamente, sali minerali e liquidi che è necessario inserire nuovamente, mentre ci si allena e dopo. La somma del calore prodotto dall’allenamento conRead More


Che effetti può avere un minuto di corsa?

Donna-running

Un solo minuto di esercizio fisico intenso ogni giorno, come ad esempio una breve corsa, è legato a una migliore salute delle ossa nelle donne. Lo dimostra uno studio pubblicato sull’International Journal of Epidemiology. Le donne che in media hanno fatto 60-120 secondi di attività ad alta intensità al giorno hanno una salute ossea del 4% migliore rispetto a coloro che hanno fatto meno di un minuto. I miglioramenti aumentavano al crescere del tempo dedicato all’attività: hanno infatti trovato una salute ossea del 6% migliore tra coloro che hanno corso più diRead More


Gli italiani non camminano abbastanza, figuriamoci correre! Lo dice lo smartphone

camminare-nel-bosco

Il mondo cammina poco e l’Italia non fa eccezione. Lo ha affermato il più grande studio sul tema mai fatto finora, basato sui dati ricavati dagli smartphone di oltre 700mila persone in 111 Paesi. La media mondiale sarebbe di 5mila passi al giorno, in Italia la media è di 5.500 passi. I ricercatori dell’università di Stanford hanno utilizzato i dati raccolti dalla app Azumio Argus, che analizza il numero di passi compiuti calcolati dall’accelerometro presente negli smartphone e trasmette in forma anonima oltre a questo dato anche età, genere, peso e altezza dell’utilizzatore.Read More



I consigli per riprendersi da un allenamento intenso

Female Jogger Resting and Drinking Bottled Water

Per trarre i maggiori benefici possibili dall’attività fisica è consigliabile terminare l’allenamento con alcuni accorgimenti che aiutano a riprendersi dalla sforzo. A volte è infatti proprio la mancanza di queste accortezze a impedire anche agli atleti professionisti di riuscire a ripetere ottime prestazioni a pochi giorni di distanza. 1- Assumere carboidrati dopo l’allenamento, in modo da massimizzare le scorte di glicogeno per gli allenamenti successivi. 2- Scegliere le ciliegie come spuntino post attività fisica, sono utili infatti a combattere i radicali liberi prodotti dall’esercizio. 3- Tra le spezie è preferibile scegliere laRead More


MIGLIORARE I VOTI A SCUOLA? L’ATTIVITA’ FISICA AIUTA

9495429578237236

  Secondo uno studio della Northeastern University di Boston i cui risultati sono stati anticipati dal New York Times, il segreto per ottenere buoni voti alla scuola elementare è praticare almeno un’ora di attività fisica al giorno. La risposta è da cercarsi nell’accumulo di un determinato tipo di grasso. I ricercatori di Boston, insieme a quelli della University of Illinois at Urbana-Champaign, hanno osservato centinaia di bambini dagli 8 ai 10 anni per nove mesi. Ogni giorno un gruppo seguiva un programma che prevedeva 70 minuti di gioco attivo, mentreRead More


Mal di schiena? Qual è lo sport migliore?

dolori-di-schiena-primo-trimestre-656x328

Uno studio pubblicato dalla rivista Scientific Reports dell’australiana Deakin University ha sfatato il mito che correre possa essere un problema per la schiena. E’ emerso infatti che coloro che corrono regolarmente, anche per pochi km ogni settimana, hanno una spina dorsale più sana e sono meno a rischio per quanto riguarda ernie del disco rispetto a chi è sedentario. Alla ricerca hanno partecipato 79 adulti, uomini e donne, due terzi dei quali corridori abituali, che sono stati divisi in tre gruppi sulla base delle distanze percorse (più di 50 chilometri aRead More


I consigli del pediatra e dell’ortopedico su sport e vacanze

Bambini-Palla

Meno compiti e più sport, meglio ancora se all’aria aperta e insieme ai coetanei. Il pediatra Italo Farnetani, ordinario alla Libera Università Ludes di Malta, si è espresso su come sfruttare al meglio le vacanze dopo la chiusura delle scuole: “I compiti sono un controsenso psicopedagogico e medico. Il bambino ha studiato tutto l’anno e si deve riposare e l’arrivo del caldo sottopone a un ulteriore stress l’organismo. Inoltre stare sui libri durante l’estate è diseducativo perché i bambini sono svogliati e perdono la grinta. Per questo di fronte ai compitiRead More


Senso del dovere, come influenza l’attività fisica?

c700x420

 Secondo uno studio pubblicato sulla rivista BMC Public Health, il modo migliore per mantenere la motivazione è avere un approccio rilassato, è necessario concentrarsi sulla sensazione di benessere derivante dall’attività fisica, e non sul senso del dovere. Alla ricerca, condotta presso l’Università del Michigan, hanno preso parte 40 donne tra i 22 e i 49 anni, 29 erano inattive, mentre 11 attive. E’ emerso che le donne inattive credevano che l’esercizio per essere efficace doveva essere intenso, che l’attività fisica impediva loro di rilassarsi nel tempo libero e dichiaravano inoltre di sentirsi “sotto pressione”Read More


Esercizio fisico e malattie croniche, scopri di più

donna

L’esercizio fisico si è rivelato utile in 22 patologie croniche, dal diabete 2 all’Alzheimer, dall’osteoartrite fino ad alcune forme di tumore, migliorando equilibrio, forza fisica e capacità di svolgere le attività di tutti i giorni. E’ emerso da un’ampia revisione di 85 studi, che coinvolgevano 22 differenti malattie croniche, escludendo quelli in cui il numero di partecipanti era inferiore a 100, condotta dall’Università di Jyväskylä, in Finlandia, pubblicata sul British Journal of Sports Medicine. I risultati di tale revisione hanno evidenziato che l’esercizio aveva un effetto significativamente positivo sull’86 % degli indicatori di performanceRead More


Rallentare l’invecchiamento cellulare con lo sport è possibile?

running-sport-corsa-attività-fisica-donne-1-640x427

Da uno studio della Brigham Young University, pubblicato sulla rivista Preventive Medicine, è emerso che è possibile rallentare l’invecchiamento cellulare, “guadagnando” nove anni di vita con alti livelli di attività fisica e sette anni per chi svolge un’attività moderata. Il parametro per misurare questo sono i telomeri, estremità dei cromosomi, che fungono un po’ da orologio biologico poiché si accorciano mano a mano che si invecchia: in chi fa movimento sono più lunghi rispetto a chi conduce una vita sedentaria o poco attiva. Fonte: Ansa


Scompenso cardiaco, lo sport può aiutare?

slide4-980x370

Lo scompenso cardiaco è la seconda causa di ricovero dopo il parto, ma resta ancora una patologia poco conosciuta, malgrado sia talmente diffusa da riguardare un milione di italiani. In questo mese è in partenza la campagna informativa promossa dalla Heart Failure Association (HFA) della Società Europea di Cardiologia, sostenuta dalla Federazione Italiana di Cardiologia, a cui parteciperanno 40 centri di cardiologia italiani. L’obiettivo di quest’anno è sensibilizzare su prevenzione e cura attraverso l’attività fisica. In programma ci saranno infatti eventi dedicati alla promozione di stili di vita sani, buona alimentazione,Read More


6 regole per migliorare la qualità della vita

correre-allunga-la-vita

Esattamente come il cibo, l’attività fisica allena le cellule a disattivare i geni pro-infiammatori e ad attivare quelli della longevità, sia l’esercizio fisico che l’alimentazione, al pari dell’alimentazione, può modificare l’espressione dei geni. Danno vita così a 6 regole, che insieme possono migliorare la qualità di vita. 1. E’ consigliabile effettuare 3 allenamenti la settimana. 2. Rispettare l’intervallo tra gli esercizi sportivi con un allenamento ad alta intensità con la massima quantità di ossigeno che i muscoli consumano al minuto, seguito da 3-4 minuti di recupero. 3. Allenarsi a stomaco vuoto, poiché loRead More


Correre: Colazione prima o dopo l’allenamento?

12

Consumare un’abbondante colazione al mattino è buona abitudine per chiunque,  anche per gli sportivi. Esistono però diverse idee contrastanti: Mangiare o non mangiare prima dell’allenamento mattutino? Diversi “coach” insegnano a correre senza colazione per migliorare le  prestazioni in gara dei corridori. Correndo senza colazione, infatti, l’organismo ha meno glucosio e quindi brucia più grasso. Abituando l’organismo a questa pratica si brucerà più grasso rispetto al glucosio durante lo sforzo fisico e si avranno performance migliori con un consistente miglioramento della resistenza fisica. Altri sostengono, invece, che la colazione è un pasto indispensabile per ottenere buone performanceRead More


image_pdfimage_print