attività fisica

 
 
image_pdfimage_print

VUOI MIGLIORARE I VOTI A SCUOLA? L’ATTIVITA’ FISICA AIUTA

9495429578237236

  Secondo uno studio della Northeastern University di Boston ancora non pubblicato, ma i cui risultati sono stati anticipati dal New York Times, il segreto per ottenere buoni voti alla scuola elementare è praticare almeno un’ora di attività fisica al giorno. La risposta è da cercarsi nell’accumulo di un determinato tipo di grasso. I ricercatori di Boston, insieme a quelli della University of Illinois at Urbana-Champaign, hanno osservato centinaia di bambini dagli 8 ai 10 anni per nove mesi. Ogni giorno un gruppo seguiva un programma che prevedeva 70 minutiRead More


Mal di schiena? Qual è lo sport migliore?

dolori-di-schiena-primo-trimestre-656x328

Uno studio pubblicato dalla rivista Scientific Reports dell’australiana Deakin University ha sfatato il mito che correre possa essere un problema per la schiena. E’ emerso infatti che coloro che corrono regolarmente, anche per pochi km ogni settimana, hanno una spina dorsale più sana e sono meno a rischio per quanto riguarda ernie del disco rispetto a chi è sedentario. Alla ricerca hanno partecipato 79 adulti, uomini e donne, due terzi dei quali corridori abituali, che sono stati divisi in tre gruppi sulla base delle distanze percorse (più di 50 chilometri aRead More


I consigli del pediatra e dell’ortopedico su sport e vacanze

Bambini-Palla

Meno compiti e più sport, meglio ancora se all’aria aperta e insieme ai coetanei. Il pediatra Italo Farnetani, ordinario alla Libera Università Ludes di Malta, si è espresso su come sfruttare al meglio le vacanze dopo la chiusura delle scuole: “I compiti sono un controsenso psicopedagogico e medico. Il bambino ha studiato tutto l’anno e si deve riposare e l’arrivo del caldo sottopone a un ulteriore stress l’organismo. Inoltre stare sui libri durante l’estate è diseducativo perché i bambini sono svogliati e perdono la grinta. Per questo di fronte ai compitiRead More


Senso del dovere, come influenza l’attività fisica?

c700x420

 Secondo uno studio pubblicato sulla rivista BMC Public Health, il modo migliore per mantenere la motivazione è avere un approccio rilassato, è necessario concentrarsi sulla sensazione di benessere derivante dall’attività fisica, e non sul senso del dovere. Alla ricerca, condotta presso l’Università del Michigan, hanno preso parte 40 donne tra i 22 e i 49 anni, 29 erano inattive, mentre 11 attive. E’ emerso che le donne inattive credevano che l’esercizio per essere efficace doveva essere intenso, che l’attività fisica impediva loro di rilassarsi nel tempo libero e dichiaravano inoltre di sentirsi “sotto pressione”Read More


Esercizio fisico e malattie croniche, scopri di più

donna

L’esercizio fisico si è rivelato utile in 22 patologie croniche, dal diabete 2 all’Alzheimer, dall’osteoartrite fino ad alcune forme di tumore, migliorando equilibrio, forza fisica e capacità di svolgere le attività di tutti i giorni. E’ emerso da un’ampia revisione di 85 studi, che coinvolgevano 22 differenti malattie croniche, escludendo quelli in cui il numero di partecipanti era inferiore a 100, condotta dall’Università di Jyväskylä, in Finlandia, pubblicata sul British Journal of Sports Medicine. I risultati di tale revisione hanno evidenziato che l’esercizio aveva un effetto significativamente positivo sull’86 % degli indicatori di performanceRead More


Rallentare l’invecchiamento cellulare con lo sport è possibile?

running-sport-corsa-attività-fisica-donne-1-640x427

Da uno studio della Brigham Young University, pubblicato sulla rivista Preventive Medicine, è emerso che è possibile rallentare l’invecchiamento cellulare, “guadagnando” nove anni di vita con alti livelli di attività fisica e sette anni per chi svolge un’attività moderata. Il parametro per misurare questo sono i telomeri, estremità dei cromosomi, che fungono un po’ da orologio biologico poiché si accorciano mano a mano che si invecchia: in chi fa movimento sono più lunghi rispetto a chi conduce una vita sedentaria o poco attiva. Fonte: Ansa


Scompenso cardiaco, lo sport può aiutare?

slide4-980x370

Lo scompenso cardiaco è la seconda causa di ricovero dopo il parto, ma resta ancora una patologia poco conosciuta, malgrado sia talmente diffusa da riguardare un milione di italiani. In questo mese è in partenza la campagna informativa promossa dalla Heart Failure Association (HFA) della Società Europea di Cardiologia, sostenuta dalla Federazione Italiana di Cardiologia, a cui parteciperanno 40 centri di cardiologia italiani. L’obiettivo di quest’anno è sensibilizzare su prevenzione e cura attraverso l’attività fisica. In programma ci saranno infatti eventi dedicati alla promozione di stili di vita sani, buona alimentazione,Read More


6 regole per migliorare la qualità della vita

correre-allunga-la-vita

Esattamente come il cibo, l’attività fisica allena le cellule a disattivare i geni pro-infiammatori e ad attivare quelli della longevità, sia l’esercizio fisico che l’alimentazione, al pari dell’alimentazione, può modificare l’espressione dei geni. Danno vita così a 6 regole, che insieme possono migliorare la qualità di vita. 1. E’ consigliabile effettuare 3 allenamenti la settimana. 2. Rispettare l’intervallo tra gli esercizi sportivi con un allenamento ad alta intensità con la massima quantità di ossigeno che i muscoli consumano al minuto, seguito da 3-4 minuti di recupero. 3. Allenarsi a stomaco vuoto, poiché loRead More


Correre: Colazione prima o dopo l’allenamento?

12

Consumare un’abbondante colazione al mattino è buona abitudine per chiunque,  anche per gli sportivi. Esistono però diverse idee contrastanti: Mangiare o non mangiare prima dell’allenamento mattutino? Diversi “coach” insegnano a correre senza colazione per migliorare le  prestazioni in gara dei corridori. Correndo senza colazione, infatti, l’organismo ha meno glucosio e quindi brucia più grasso. Abituando l’organismo a questa pratica si brucerà più grasso rispetto al glucosio durante lo sforzo fisico e si avranno performance migliori con un consistente miglioramento della resistenza fisica. Altri sostengono, invece, che la colazione è un pasto indispensabile per ottenere buone performanceRead More


Pillola dell’esercizio fisico: in cosa consiste?

pillole-600x300

Si avvicina la realizzazione di una ”pillola dell’esercizio fisico”, grazie ad una proteina in grado di limitare la crescita dei muscoli. Il lavoro, dei ricercatori dell’Augusta University, sarà presentato da Joshua Butcher al congresso di Biologia sperimentale a Chicago. I ricercatori sono partiti dal fatto che una proteina chiamata miostatina ha la capacità di limitare la crescita dei muscoli. I ricercatori hanno quindi ipotizzato che con una sua maggiore produzione si avesse meno massa muscolare, e che con meno miostatina si avesse invece più massa muscolare. Gli esperimenti sono stati fattiRead More


Sport: perché il succo di barbabietola è un valido alleato?

Barbabietole-rosse

Messaggio per tutti gli sportivi che vogliono migliorare le proprie prestazioni fisiche: bevete tutti i giorni il succo di barbabietola da zucchero, avrete un evidente potenziamento della forza e la tolleranza allo sforzo fisico. E’ una caratteristica propria dell’ortaggio che, una volta in circolo nel corpo, dilata i vasi sanguigni e aumenta il flusso del sangue. E’ stato scoperto all’Università di Exter del Regno Unito attraverso un test ad alcuni soggetti sottoposti a sforzo fisiche che, bevendo quotidianamente succo di barbabietola, hanno migliorato la proprie prestazioni. La parola barbabietola ciRead More


Lo sport può aiutare la fertilità?

tapis_roulant1-660x350

Per gli uomini, praticare esercizio fisico moderato per tre volte a settimana per almeno mezz’ora può aiutare a migliorare le chance di avere figli. La qualità del liquido seminale infatti cambia a seconda del tipo di attività fisica, a dimostrarlo è stato uno studio pubblicato sulla rivista Reproduction. Un team di scienziati della Uremia University in Iran ha reclutato per uno studio 261 uomini sani, di età compresa tra i 25 e i 40 anni, dividendoli casualmente in quattro gruppi: esercizio a intensità moderata e continua (corsa su tapis roulant per 30 minuti,Read More


Aumentare l’aspettativa di vita con l’attività fisica è possibile?

donna-che-corre-500x334

E’ possibile guadagnare 7 ore in più di vita grazie ad un’ora di corsa, ciò significa che una media di due corse settimanali in 40 anni aumenterebbe di circa tre anni l’aspettativa di vita. Questo è quanto emerge dai risultati di uno studio guidato dalla Iowa State University, pubblicato su Progress in Cardiovascular Disease. Gli studiosi si sono rifatti a una ricerca precedente, che ha preso in esame oltre 55.000 adulti seguiti per 15 anni, analizzando una grande mole di dati di test medici e di fitness condotti presso il Cooper Institute diRead More


Palestra: meglio stomaco pieno o vuoto?

workout-food

Da uno studio dell’Università di Bath, nel Regno Unito, pubblicato sulla rivista American Journal of Physiology – Endocrinology and Metabolism è emerso che è preferibile non mangiare prima della palestra, poiché il corpo lavora meglio e brucia più grassi quando lo stomaco è vuoto. Gli esperti hanno preso in esame 10 uomini adulti sovrappeso. I volontari hanno camminato per 60 minuti a un 60 % del consumo massimo di ossigeno a stomaco vuoto e, in un’altra occasione, due ore dopo aver consumato una colazione ricca di carboidrati e ad alto contenuto calorico.Read More


Come sostituire gli integratori sportivi con l’alimentazione?

running

Michelangelo Giampietro, nutrizionista e medico dello sport, suggerisce che gli integratori sportivi industriali sono facilmente sostituibili con alimenti che possiedono le stesse proprietà benefiche. Tra gli integratori più usati, ad esempio, ci sono le proteine e gli aminoacidi ramificati, è possibile trovare entrambi in 50 grammi di pane e 75 grammi di bresaola, che contengono pochissimi grassi, più di 30 grammi di proteine, una quantità di aminoacidi ramificati di oltre 5 grammi e il sale, fondamentale per gli atleti. Si tratta di un’ integrazione economica che può andare bene sia prima che dopo l’allenamento, bastaRead More