Melanoma: rimozione dei linfonodi sì o no?

47-prevenzione-melanoma

Nel caso di pazienti con melanoma nei quali si trovano cellule maligne nel linfonodo “sentinella” non è necessario togliere anche i linfonodi vicini perché potrebbe aumentare il rischio di effetti avversi senza aumentare la sopravvivenza. E’ stato dimostrato da uno studio internazionale a cui ha partecipato anche l’Istituto Pascale di Napoli, pubblicato dal New England Journal of Medicine. I ricercatori hanno studiato circa 2mila pazienti, tutti con il linfonodo sentinella positivo, dividendoli in due gruppi. Metà è stata trattata rimuovendo subito anche i linfonodi circostanti, mentre gli altri sono stati monitorati con un’ecografiaRead More

Giornata Internazionale dello yoga, quali benefici porta questa pratica?

can-yoga-help-those-undergoing-chemotherapy-1090x613

Il 21 giugno si celebrerà la Terza Giornata internazionale dello yoga promossa dall’Onu, e per l’occasione l’Ambasciata dell’India a Roma promuoverà un lungo evento della durata di 9 giorni, con tante iniziative in calendario dal 17 al 25 giugno. In programma ci sono diverse sessioni in tutta Italia, seminari e workshop per far conoscere le pratiche dello yoga così come i suoi benefici e quelli dell’Ayurveda e di altre medicine tradizionali anche a chi non ha mai praticato tale attività. A partire dal 17 giugno, anche l’Ambasciata, in collaborazione con numeroseRead More

Mal di schiena? Qual è lo sport migliore?

dolori-di-schiena-primo-trimestre-656x328

Uno studio pubblicato dalla rivista Scientific Reports dell’australiana Deakin University ha sfatato il mito che correre possa essere un problema per la schiena. E’ emerso infatti che coloro che corrono regolarmente, anche per pochi km ogni settimana, hanno una spina dorsale più sana e sono meno a rischio per quanto riguarda ernie del disco rispetto a chi è sedentario. Alla ricerca hanno partecipato 79 adulti, uomini e donne, due terzi dei quali corridori abituali, che sono stati divisi in tre gruppi sulla base delle distanze percorse (più di 50 chilometri aRead More

Cipolle rosse, un alleato per la salute, perché?

cipolletropea1140

Uno studio della University of Guelph, in Canada, pubblicato sulla rivista Food Research International, ha evidenziato che le cipolle rosse possiedono proprietà anticancro, in particolare sono molto efficaci nell’eliminare le cellule cancerogene del tumore al colon e di quello al seno. I ricercatori hanno testato cinque diversi tipi di cipolle che crescevano in Ontario, scoprendo che una varietà chiamata “Ruby ring onion”, che appunto è rossa, si è rivelata la più efficace contro il cancro. Il merito sembrerebbe essere dell’alto contenuto di quercetina, un tipo di flavonoide che ha potere antiossidante,Read More

Annalisa Minetti perde il bambino. Cosa può provocare interruzioni spontanee della gravidanza?

annalisa-minetti-cantante-e-atleta-paralimpica

La cantante e atleta paralimpica Annalisa Minetti al terzo mese di gravidanza ha perso il bambino che attendeva. Un dolore ancora più forte, per la Minetti poiché è la seconda volta. Annalisa Minetti al momento è comunque in ottime condizioni e ha ripreso a pieno il suo lavoro. Nonostante il dispiacere la Minetti e suo marito Michele non intendono rinunciare al sogno di avere un figlio e la cantante ha intenzione di trasformare questo dolore in un modo per stare vicino alle donne che hanno vissuto il suo stesso dramma. Perché accade?Read More

I consigli del pediatra e dell’ortopedico su sport e vacanze

Bambini-Palla

Meno compiti e più sport, meglio ancora se all’aria aperta e insieme ai coetanei. Il pediatra Italo Farnetani, ordinario alla Libera Università Ludes di Malta, si è espresso su come sfruttare al meglio le vacanze dopo la chiusura delle scuole: “I compiti sono un controsenso psicopedagogico e medico. Il bambino ha studiato tutto l’anno e si deve riposare e l’arrivo del caldo sottopone a un ulteriore stress l’organismo. Inoltre stare sui libri durante l’estate è diseducativo perché i bambini sono svogliati e perdono la grinta. Per questo di fronte ai compitiRead More

ALLATTARE PER 9 MESI RIDUCE IL RISCHIO DI CANCRO ALL’UTERO

breastfeeding-2090396_960_720

  A darne prova è uno studio pubblicato sulla rivista “Obstetrics and Ginecology”, parlando di diminuzione del rischio di cancro all’utero per le donne che allattano al seno almeno 9 mesi. Il cancro all’ utero rappresenta il 4% di tutte le diagnosi di tumore. Uno studio effettuato dai ricercatori del Qimr Berghofer Medical Research Institute di Brisbane in Australia, ha evidenziato come su un campione di 26.000 mamme quasi 9.000 avevano un tumore all’ utero. Tutte coloro che avevano allattato da 3 a 6 mesi presentavano una diminuzione del rischioRead More

Un orologio da polso in grado di rivelare il Parkinson, è affidabile?

morbo-di-parkinson-sintomi-cause-e-diagnosi-png-preview-default

Un orologio da polso in grado di rivelare in soli 10 secondi se una persona ha i Parkinson o se si tratta di tremore essenziale, una patologia che non presenta un’evoluzione progressiva e richiede quindi un diverso trattamento. Si tratta di un dispositivo tecnologico innovativo, sviluppato da un giovane neurologo dell’Università Campus Bio-Medico di Roma in collaborazione con i colleghi dell’Università di Oxford. E’ già stato brevettato, costerà poche decine di euro e sarà breve a disposizione dei neurologi e degli ambulatori dei medici di base. I risultati dell’applicazione sono stati pubblicati sullaRead More

Rosmarino, un valido alleato per gli studenti

1447345991_capelli-rosamrino-orizzontale-920x574

In Gran Bretagna sempre più spesso gli studenti si affidano al rosmarino, grazie ad uno studio che ha svelato che tale erba aromatica è in grado di potenziare la memoria. A segnalare l’impennata di vendite è la catena Holland & Barrett, che ha registrato in questi giorni (periodo di esami) un +187% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La ricerca è stata condotta dalla Northumbria University, ricorda l”Independent’, e ha svelato che gli studenti che lavorano in una stanza in cui è presente l’aroma di rosmarino, sotto forma di un olio essenziale,Read More

Cosa rischia il cervello se si dorme poco?

Closeup portrait of a lovely young female sleeping on the bed with her husband

La scoperta, grazie ad uno studio condotto sui topi, è stata pubblicata sul “Journal of Neuroscience” da Michele Bellesi dell’Università Politecnica delle Marche. Se la deprivazione di sonno diventa cronica, il cervello comincia a distruggere e a digerire le proprie cellule danneggiate. Questo comportamento nasce dal bisogno di difendersi, inizialmente ha anche degli effetti benefici, ma nel tempo rischia di aumentare il pericolo di ammalarsi di Alzheimer o di altri disturbi neurologici. Durante la sperimentazione i ricercatori hanno confrontato il cervello di animali che dormivano quanto volevano con quello di roditori tenuti svegliRead More

Stop al tour di Olivia Newton-John, il cancro è tornato

AP_Olivia_newton_john_ml_140205_33x16_1600

La cantante Olivia Newton-John ha fermato il suo tour negli Stati Uniti e in Canada a causa del tumore al seno, che è tornata ad affrontare dopo 25 anni, l’ha annunciato il suo staff tramite un post su Facebook. “Olivia Newton-John – si legge – a malincuore deve posticipare le date statunitensi e canadesi dei concerti di giugno. Il dolore alla schiena che inizialmente l’aveva costretta a rimandare la prima metà del suo tour si è rivelato un tumore al seno con metastasi all’osso sacro”. Per questi motivi, la cantante ha decisoRead More

LO SPORT CONTRO L’INVECCHIAMENTO

AnzianiPalestra

  Una ricerca pubblicata su “Cell Metabolism”  dichiara la scoperta dell’ormone dell’invecchiamento. Era già stato appurato che il deterioramento dei mitocondri  fosse legato all’invecchiamento ma è stato scoperto che la causa è legata alla produzione dell’ormone FGF21 che scatena l’invecchiamento dell’organismo. Da alcune ricerche si è scoperto che questo ormone rimane a bassi livelli se si effettua attività fisica, mentre risulta molto più alto in soggetti anziani o in chi conduce una vita sedentaria. Lo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Padova e dell’Istituto Molecolare Veneto, ha messo in evidenzaRead More

MAMMA SOTTO STRESS MA NE RISENTE ANCHE IL FUTURO BEBE’

luna-nera

    Uno studio pubblicato sulla rivista Stress dichiara che stress prolungato della mamma può riflettersi sul feto attraverso il liquido amniotico portando a possibili disturbi di salute per il nascituro. Lo studio, condotto da esperti dell’Università di Zurigo e dell’Istituto Max Planck di Monaco, mostra però che uno stress momentaneo e non prolungato nel tempo non ha particolari influenze sul feto. Alcuni studi condotti in passato su animali hanno evidenziato che la presenza di ormoni dello stress nel liquido amniotico può aumentare lo sviluppo del feto, mentre altri studiRead More

La dipendenza da droga è ereditaria?

prescription-drugs-addict-addiction-850x491

Alcuni ricercatori della Fudan University di Shanghai, hanno scoperto che alcuni comportamenti correlati alla dipendenza dalla cocaina sono cambiamenti nella struttura del Dna, che vengono ereditati: dei piccoli composti, chiamati gruppi metile, si legano infatti alla doppia elica e modificano l’espressione di alcuni geni. Il gruppo, guidato da Lan Ma, ha separato i ratti maschi in base al loro livello di motivazione a cercare cocaina ed è emerso che i figli di quelli con un livello più alto presentavano lo stesso comportamento. Mentre quelli meno propensi a diventare dipendenti conferivano ai figliRead More

Senso del dovere, come influenza l’attività fisica?

c700x420

 Secondo uno studio pubblicato sulla rivista BMC Public Health, il modo migliore per mantenere la motivazione è avere un approccio rilassato, è necessario concentrarsi sulla sensazione di benessere derivante dall’attività fisica, e non sul senso del dovere. Alla ricerca, condotta presso l’Università del Michigan, hanno preso parte 40 donne tra i 22 e i 49 anni, 29 erano inattive, mentre 11 attive. E’ emerso che le donne inattive credevano che l’esercizio per essere efficace doveva essere intenso, che l’attività fisica impediva loro di rilassarsi nel tempo libero e dichiaravano inoltre di sentirsi “sotto pressione”Read More