Home»Tecnologie»Clown dottori al Sanit 2015. Chi sono?

Clown dottori al Sanit 2015. Chi sono?

0
Shares
Pinterest Google+

che, usando le arti della clowneria come teatralità, umorismo e comicità, riesce a portare effetti benefici ai pazienti. I clown dottori, o dottori della risata, sono ormai presenti in molte corsie di ospedale, per lo più nei reparti pediatria. Quella che può sembrare in apparenza un semplice modo per tirare su il morale dei pazienti, è invece a tutti gli effetti una terapia. Infatti, negli ultimi vent’anni, molti studi scientifici hanno provato che ridere ha un impatto positivo sull’organismo sotto diversi punti di vista, sia fisici che psichici.

Il clown dottore ideale è una persona estroversa, allegra e con la coscienza di voler fare del bene. Molti di loro sono “artisti” o persone che hanno già avuto esperienze in ospedale e sentono il bisogno di dare il loro contributo volontaristico.
Benefici

Meno ansia e stress: uno dei primi effetti della terapia. Nel 2005, un gruppo di ricercatori dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze ha Sanit_pubblicità2015evidenziato come è possibile ridurre quasi del 50% l’ansia dei bambini sottoposti ad intervento chirurgico grazie all’aiuto dei clown.

Diminuzione del periodo di degenza: una ricerca condotta su 92 bambini operati ha dimostrato che la visita dei Clown Dottori della Federazione Internazionale Ridere per Vivere è stata in grado di diminuire significativamente le complicazioni post operatorie e di un giorno il periodo di degenza. Il medesimo effetto è stato evidenziato nel 2001, la Fondazione Aldo Garavaglia Dottor Sorriso onlus di Milano ha studiato gli effetti della presenza dei clown su 343 bambini ricoverati nelle Pediatrie di tre ospedali lombardi concludendo per l’azione positiva dei clown in corsia sia sul bambino che sui familiari.

Riduzione del fabbisogno di farmaci: i clown dottori, grazie alla loro arte, riescono anche ad indurre i pazienti a usufruire di meno farmaci per la loro guarigione.

I clown dottori saranno presenti al Sanit 2015, un motivo in più per non perdere questo appuntamento con il mondo della prevenzione e della promozione della Salute.

Previous post

Alzheimer

Next post

Prostata

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *