Home»Alimentazione»Cioccolato fondente e olio extravergine di oliva, il connubio della salute

Cioccolato fondente e olio extravergine di oliva, il connubio della salute

2
Shares
Pinterest Google+

Uno studio dell’Università di Pisa presentato a Barcellona in occasione dell’Esc ha dimostrato che il cioccolato fondente arricchito con le sostanze antiossidanti dell’olio extravergine di oliva, è capace di rallentare l’invecchiamento dell’apparato cardiovascolare allontanando il rischio di aterosclerosi.

«E’ noto che un’alimentazione sana riduce il rischio di malattie cardiovascolari», spiega Rossella Di Stefano, cardiologa dell’ateneo pisano. «Frutta e verdura esercitano il loro effetto protettivo attraverso delle molecole, chiamate polifenoli, che ritroviamo nel cacao, nell’olio d’oliva e anche nelle mele, come quelle rosse dell’antica qualità italiana Panaia che studi precedenti hanno rivelato essere ricchissima di antiossidanti».

E’ nata così l’idea di unire questi anti-aging naturali, preparandone diverse combinazioni: cioccolato fondente con il 10% di olio extravergine toscano, oppure cioccolato fondente con il 2,5% di mela Panaia del Casentino.

I prodotti sono stati testati su 26 volontari (14 uomini e 12 donne) che presentavano almeno tre fattori di rischio cardiovascolare, quali fumo, ipertensione, dislipidemia e presenza in famiglia di malattie cardiovascolari.

Hanno inserito all’interno della propria dieta quotidiana 40 grammi di “super” fondente, assumendolo per 28 giorni consecutivi: per due settimane, hanno mangiato il cioccolato arricchito d’extravergine, mentre nelle altre due settimane hanno consumato il fondente con mela Panaia.

Alla fine del test è emerso che il fondente all’olio extravergine d’oliva aveva determinato un calo della pressione arteriosa e un aumento del colesterolo “buono” e delle cellule EPC riducendo i livelli di carnitina e acido ippurico: tutti fattori che definiscono un miglioramento del profilo di rischio cardiovascolare.

Previous post

Casi Chikungunya a Roma, richiesta di disinfestazione

Next post

Cancro al colon, con quali abitudini prevenirlo

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *