Home»attualità»Lavarsi le mani: la giornata mondiale

Lavarsi le mani: la giornata mondiale

0
Shares
Pinterest Google+

Oggi è la giornata mondiale della pulizia delle mani e ci ricorda l’importanza di questo gesto.

Mantenere le mani pulite è uno dei modi migliori per prevenire la diffusione di infezioni e malattie.
Il lavaggio delle mani è facile da fare ed è uno dei modi più efficaci per prevenire la diffusione di molti tipi di infezioni e malattie.  Le mani pulite possono fermare la diffusione dei germi da persona a persona e per l’intera comunità.
Mantenere le mani pulite attraverso una migliore igiene è uno dei passi più importanti che possiamo fare per evitare di ammalarci e di diffondere germi agli altri. Molte malattie e condizioni sono diffuse a causa del non lavarsi le mani con acqua corrente e sapone. Se acqua e sapone non sono disponibili, possiamo curare ugualmente l’igiene delle nostre mani: è opportuno utilizzare un prodotto a base di alcool disinfettante per le mani che contenga almeno il 60% di alcool disinfettante.

Lavarsi le mani con COVID-19

In questo periodo di forte disagio riguardo la condizione sanitaria del paese, abbiamo acquisito l’importanza di questo gesto. A maggior ragione, lavarsi le mani durante una pandemia è un comportamento basilare da tenere. Sappiamo che l’essenzialità dell’igiene delle mani non è più trascurabile. Abbiamo imparato a conoscere l’importanza di molti strumenti di prevenzione, ma quello della pulizia delle mani resta sempre l’arma più potente.

Il modo giusto per farlo

Per rendere efficace il lavaggio, non basta lavare superficialmente le nostre mani, bensì si deve seguire con accortezza una procedura semplice: inizialmente le mani devono essere inumidite con acqua tiepida poichè ha una maggiore azione sgrassante sulla pelle, per poi passare all’igienizzazione con il sapone. Solo questo passaggio deve durare 40 secondi, ponendo particolare attenzione a curare particolarmente ogni parte della mano, soprattutto il palmo, il bordo esterno del palmo e quello delle dita, gli spazi interdigitali (soprattutto quelli tra il quarto e il quinto dito che vengono spesso tralasciati). Si deve porre molta attenzione anche alle punte delle dita e alle unghie.
Infine si esegue un risciacquo attento e una asciugatura altrettanto accurata, non commenttendo l’errore di chiudere l’acqua con la mano appena lavata.

Previous post

Benefici dalla terra... e non parliamo di cibo!

Next post

UN MONDO SEDENTARIO: 1,4 MILIARDI DI PERSONE FANNO POCO SPORT