ossa

 
 

Che effetti può avere un minuto di corsa?

Donna-running

Un solo minuto di esercizio fisico intenso ogni giorno, come ad esempio una breve corsa, è legato a una migliore salute delle ossa nelle donne. Lo dimostra uno studio pubblicato sull’International Journal of Epidemiology. Le donne che in media hanno fatto 60-120 secondi di attività ad alta intensità al giorno hanno una salute ossea del 4% migliore rispetto a coloro che hanno fatto meno di un minuto. I miglioramenti aumentavano al crescere del tempo dedicato all’attività: hanno infatti trovato una salute ossea del 6% migliore tra coloro che hanno corso più diRead More



In aumento la vita sedentaria negli adolescenti. Cosa rischiano le ossa?

DSC03315-748997

Ricercatori canadesi hanno preso in esame il dilagante fenomeno dell’aumento della sedentarietà nei giovani, dovuto alle nuove tecnologie che spingono i ragazzi a giocare al computer o a rilassarsi davanti la televisione, anziché praticare attività fisica e sport. Dal monitoraggio ai raggi X della capacità di reazione delle ossa di 300 adolescenti nell’età dello sviluppo, (maschi tra i 12 e i 16 anni e femmine tra i 10 e i 14 anni), si è constatata l’esigenza di fare attività fisica, per dare maggior forza e ridurre il rischio di fratture.Read More


La scoperta: la corsa fa bene o male alle ossa?

240_F_61916458_9lewc8xm4TXe9U9D9UCiTzg6BdqQ4bx4

 La rivista scientifica “Bone” ha pubblicato uno studio che mostra come alcuni esercizi specifici come correre e saltare riescano favorire la formazione delle ossa, aumentandone la densità. L’osteoporosi colpisce più di 200 milioni di persone in tutto il mondo ed è un grave problema di salute pubblica, in quanto favorisce fratture e ricoveri. Il team dell’Università del Missouri-Columbia, guidato da Pamela Hinton, ha preso in esame 38 uomini di età compresa tra 25 e 60 anni affetti da osteopenia, ovvero bassa massa ossea, suddividendoli in due gruppi. Un gruppo ha eseguito eserciziRead More


Scoperto nelle ossa un ormone, quali proprietà possiede?

ricercatore1

E’ stato reso noto sulla rivista Nature, che un team di ricercatori della Columbia University Medical Center (CUMC), tra cui l’italiano Antonio Maurizi, ha scoperto nelle ossa un ormone in grado di placare l’appetito, agendo direttamente sul cervello. L’ormone si chiama “lipocalina 2” ed è solo l’ultima delle molecole con funzione ormonale scoperte nelle ossa, esso potrebbe essere un nuovo alleato nella lotta contro l’obesità, le disfunzioni metaboliche e il diabete. Durante lo studio gli scienziati hanno isolato la lipocalina 2 e osservato che è una molecola in grado di superare la barrieraRead More


Cosa bisognerebbe mangiare per prevenire le fratture?

coppia-anziana-mangiare

Uno studio della Ohio State University, pubblicato sulla rivista Journal of Bone and Mineral Research condotto su donne di età compresa tra i 50 e i 79 anni dal 1993 al 1998, la Women’s Health Initiative, analizzando i dati sulla dieta di 160.191 donne e assegnando a 32 componenti di cibi, in particolare consumati nei tre mesi precedenti all’arruolamento allo studio, un punteggio in termini di infiammazione, ha rivelato che la dieta corretta per mantenere in salute le ossa delle donne deve prevedere frutta, verdura, pesce e cereali integrali. EsaminandoRead More


20 ottobre, Giornata dell’Osteoporosi: informazioni e visite gratuite

yogurt

In occasione della Giornata Mondiale dell’Osteoporosi, la Società Italiana dell’Osteoporosi del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro lancia un’iniziativa nazionale di prevenzione, con l’obiettivo di attivare nei centri accreditati dalla Società azioni coordinate di sensibilizzazione su questa malattia che in Italia colpisce 4,5 milioni di persone. Saranno 21 le Strutture Specializzate per il trattamento dell’OP su tutto il territorio nazionale, ad aderire all’iniziativa nazionale di prevenzione patrocinata da SIOMMMS nell’ambito della Giornata Mondiale dell’Osteoporosi, lunedì̀ 20 ottobre. Previsti incontri tra specialisti e cittadini, conferenze, valutazione del rischio di cadute,Read More


Un alleato per la prevenzione dell’osteoporosi

test-osteoporosi

La prevenzione dell’osteoporosi inizia nel piatto, con cibi ricchi di calcio come latte, formaggio, yogurt, e continua nel bicchiere con l’acqua, che quando è a elevato contenuto di calcio, diventa un’ottima alleata. E per aiutare il calcio a fissarsi nelle ossa gioca un ruolo fondamentale la vitamina D che, presente in piccole quantità in alcuni pesci come il salmone o il pesce azzurro, viene prodotta dall’organismo con l’esposizione al sole. E’ bene ricordare che le ossa si mantengono in salute con l’attività fisica regolare, come una camminata veloce di 30 minuti almeno tre volte a settimana.


Artrosi e attività fisica: quale relazione?

artrosi

Leggi l’articolo e lascia un mi piace!  L’artrosi è un processo degenerativo dell’osso conseguente ad una anomalia dei tessuti che dovrebbero attutire gli urti tra le ossa: questo provoca una reazione con la produzione di osso patologico intorno a quello normale, i famosi becchi artrosici. E’ importante sapere che l’artrosi è come i capelli bianchi: è l’invecchiamento delle nostre ossa, quindi inevitabile. Tuttavia artrosi non significa automaticamente dolori, in particolare a livello della colonna vertebrale. Si tratta infatti di un evento predisponente, ma chi ha l’artrosi alla colonna sa benissimoRead More


Vitamina D sì ma senza eccedere!

VITAMIN_D2

Leggi l’articolo e lascia un mi piace!  La vitamina D – a volte chiamata vitamina D2 (ergosterolo) o vitamina D3 (colecalciferolo) – è necessaria per l’assorbimento del calcio e per i processi di rimodellamento osseo. La vitamina D è l’unica vitamina che non siamo costretti ad assumere con i cibi: siamo capaci di sintetizzarla, perché si forma normalmente nella pelle, a partire da un derivato del colesterolo, grazie ai raggi ultravioletti (UVB) della luce solare. Alle nostre latitudini, se usciamo regolarmente di casa – e se quando il tempo loRead More


Dolori reumatici: cosa sono e come combatterli.

articolazioni

Di norma sono chiamati “reumatismi” i dolori delle articolazioni delle ossa, che possono derivare da malattie croniche o da infiammazioni o ancora dall’usura dell’età. Nei casi meno gravi, quando i dolori sono causati da un’infiammazione, è consigliabile eliminare alcuni cibi che favoriscono l’infiammazione quali: Latte, mozzarella, formaggi, melanzane, peperoni, pomodori, pane, pizza, dolci da forno, aceto, carne rossa, tè, caffè, cioccolata. In generale l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale soprattutto nella prevenzione dei reumatismi. L’obesità è considerata come un fattore di rischio per le malattie reumatiche come l’artrosi e l’artrite reumatoide.Read More


Scarpe con i tacchi? Occhio alla postura della colonna!

tacchi

I tacchi? Sono eleganti, sensuali e molto attraenti. Ma queste scarpe rendono davvero una donna più seducente? Nell’immediato sì, a lungo andare no. Molte donne utilizzano tacchi quotidianamente, alcune più sporadicamente. Ma non tutte sono a conoscenza dei danni che queste affascinanti scarpe potrebbero provocare. Quando si indossano scarpe alte la naturale postura delle donne tende ad inclinarsi in avanti, causando danni non solo alle dita del piede ma anche alle ginocchia e alla schiena. Le ginocchia vengono spesso flesse in avanti accentuando la curva dorsale e riducendo la curva lombare. InoltreRead More


Per prevenire l’osteoporosi porta in tavola le prugne

Mangiare prugne per prevenire osteoporosi

Il cibo rappresenta un valido alleato nella prevenzione di molte patologie. Frutta e verdura in particolare costituiscono una preziosa fonte di sostanze antiossidanti ed antinfiammatorie, indispensabili all’organismo per invecchiare bene ed in salute. A confermare il ruolo fondamentale di un’alimentazione sana per preservare il benessere generale, con un’attenzione particolare verso la salute delle ossa, sono i risultati di uno studio scientifico coordinato dal dottor Bahram H. Arjmandi, Presidente del  Department of Nutrition, Food and Exercise Sciences e Direttore del Center for Advancing Exercise and Nutrition Research on Ageing presso laRead More


Osteoporosi, anche gli uomini a rischio. Come prevenirsi?

osteoporosi

Non solo le donne, anche gli uomini sono a rischio osteoporosi. Infatti, la lenta e progressiva perdita di densità ossea, correlata all’età, avviene in entrambi i sessi e inizia addirittura prima dei 30 anni. Ma prevenire è possibile. Nelle donne l’osteoporosi è accelerata durante la menopausa, nello specifico per il crollo degli estrogeni che rende le ossa più fragili. Per quanto riguarda gli uomini i principali fattori di rischio sono legati allo stile di vita, tra i principali: dieta povera di calcio e vitamina D; alcol e fumo; deficit diRead More


image_pdfimage_print