sport

 
 
image_pdfimage_print

IO OSO: QUANDO LO SPORT VA OLTRE LA MALATTIA

IMG_0636

  È quello che è successo a Giacomo, ragazzo di 21 anni che attraverso un tumore ha scoperto un nuovo sport al quale dedicare tutta la sua determinazione e la voglia di vincere. “Tutto quello che affronti nello sport sono insegnamenti che ritroverai utili nella vita di tutti i giorni. La sensazione di non farcela, e di dover tirare fuori, proprio in quel momento, tutto ciò che ti sembra di non avere, è quello che ti serve per superare le difficoltà quotidiane”. Così Giacomo ha affrontato la sfida quando aRead More


Mal di schiena? Qual è lo sport migliore?

dolori-di-schiena-primo-trimestre-656x328

Uno studio pubblicato dalla rivista Scientific Reports dell’australiana Deakin University ha sfatato il mito che correre possa essere un problema per la schiena. E’ emerso infatti che coloro che corrono regolarmente, anche per pochi km ogni settimana, hanno una spina dorsale più sana e sono meno a rischio per quanto riguarda ernie del disco rispetto a chi è sedentario. Alla ricerca hanno partecipato 79 adulti, uomini e donne, due terzi dei quali corridori abituali, che sono stati divisi in tre gruppi sulla base delle distanze percorse (più di 50 chilometri aRead More


I consigli del pediatra e dell’ortopedico su sport e vacanze

Bambini-Palla

Meno compiti e più sport, meglio ancora se all’aria aperta e insieme ai coetanei. Il pediatra Italo Farnetani, ordinario alla Libera Università Ludes di Malta, si è espresso su come sfruttare al meglio le vacanze dopo la chiusura delle scuole: “I compiti sono un controsenso psicopedagogico e medico. Il bambino ha studiato tutto l’anno e si deve riposare e l’arrivo del caldo sottopone a un ulteriore stress l’organismo. Inoltre stare sui libri durante l’estate è diseducativo perché i bambini sono svogliati e perdono la grinta. Per questo di fronte ai compitiRead More


LO SPORT CONTRO L’INVECCHIAMENTO

AnzianiPalestra

  Una ricerca pubblicata su “Cell Metabolism”  dichiara la scoperta dell’ormone dell’invecchiamento. Era già stato appurato che il deterioramento dei mitocondri  fosse legato all’invecchiamento ma è stato scoperto che la causa è legata alla produzione dell’ormone FGF21 che scatena l’invecchiamento dell’organismo. Da alcune ricerche si è scoperto che questo ormone rimane a bassi livelli se si effettua attività fisica, mentre risulta molto più alto in soggetti anziani o in chi conduce una vita sedentaria. Lo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Padova e dell’Istituto Molecolare Veneto, ha messo in evidenzaRead More


Senso del dovere, come influenza l’attività fisica?

c700x420

 Secondo uno studio pubblicato sulla rivista BMC Public Health, il modo migliore per mantenere la motivazione è avere un approccio rilassato, è necessario concentrarsi sulla sensazione di benessere derivante dall’attività fisica, e non sul senso del dovere. Alla ricerca, condotta presso l’Università del Michigan, hanno preso parte 40 donne tra i 22 e i 49 anni, 29 erano inattive, mentre 11 attive. E’ emerso che le donne inattive credevano che l’esercizio per essere efficace doveva essere intenso, che l’attività fisica impediva loro di rilassarsi nel tempo libero e dichiaravano inoltre di sentirsi “sotto pressione”Read More


Quali benefici hanno le ciliegie negli sportivi?

ratafia-di-ciliege-selvatiche_37f99c30420da7dd1e3d3fe41949875a

Le ciliegie, in particolare la loro buccia, sono ricche di potassio, calcio, fosforo, rame, vitamina A e C, polifenoli e antociani, sostanze antiossidanti e antinfiammatorie. E’ bene scegliere quelle molto scure, in quanto contengono una concentrazione più elevata di tali sostanze. La presenza di antiossidanti garantisce sia la riduzione dello stress ossidativo cellulare sia un’azione antinfiammatoria, sono quindi utili per coloro che soffrono di patologie infiammatorie croniche, come ad esempio quelle intestinali. Il consumo di ciliegie è consigliato anche per gli sportivi, evidenzia la Dott.ssa Putzolu biologa-nutrizionista collaboratrice dello Studio Abr, “in quanto garantisconoRead More


Esercizio fisico e malattie croniche, scopri di più

donna

L’esercizio fisico si è rivelato utile in 22 patologie croniche, dal diabete 2 all’Alzheimer, dall’osteoartrite fino ad alcune forme di tumore, migliorando equilibrio, forza fisica e capacità di svolgere le attività di tutti i giorni. E’ emerso da un’ampia revisione di 85 studi, che coinvolgevano 22 differenti malattie croniche, escludendo quelli in cui il numero di partecipanti era inferiore a 100, condotta dall’Università di Jyväskylä, in Finlandia, pubblicata sul British Journal of Sports Medicine. I risultati di tale revisione hanno evidenziato che l’esercizio aveva un effetto significativamente positivo sull’86 % degli indicatori di performanceRead More


Cosa succede quando facciamo sport mentre siamo arrabbiati?

angry-woman

Gli scienziati dell’Health Research Institute della McMaster University avvertono che l’esercizio fisico in condizioni di eccessiva agitazione potrebbe triplicare il rischio di un attacco di cuore nel giro di un’ora. Gli esperti canadesi hanno eseguito il più grande studio sulla correlazione tra rabbia e sport, fornendo una prova scientifica del delicato legame tra mente e corpo. L’associazione risulta ancora più forte quando sia l’emozione che l’attività sono molto pesanti, si arriva addirittura a triplicare il rischio di infarto. I risultati sono stati trovati grazie all’analisi delle informazioni relative a 12.461 pazientiRead More


Rallentare l’invecchiamento cellulare con lo sport è possibile?

running-sport-corsa-attività-fisica-donne-1-640x427

Da uno studio della Brigham Young University, pubblicato sulla rivista Preventive Medicine, è emerso che è possibile rallentare l’invecchiamento cellulare, “guadagnando” nove anni di vita con alti livelli di attività fisica e sette anni per chi svolge un’attività moderata. Il parametro per misurare questo sono i telomeri, estremità dei cromosomi, che fungono un po’ da orologio biologico poiché si accorciano mano a mano che si invecchia: in chi fa movimento sono più lunghi rispetto a chi conduce una vita sedentaria o poco attiva. Fonte: Ansa


Scompenso cardiaco, lo sport può aiutare?

slide4-980x370

Lo scompenso cardiaco è la seconda causa di ricovero dopo il parto, ma resta ancora una patologia poco conosciuta, malgrado sia talmente diffusa da riguardare un milione di italiani. In questo mese è in partenza la campagna informativa promossa dalla Heart Failure Association (HFA) della Società Europea di Cardiologia, sostenuta dalla Federazione Italiana di Cardiologia, a cui parteciperanno 40 centri di cardiologia italiani. L’obiettivo di quest’anno è sensibilizzare su prevenzione e cura attraverso l’attività fisica. In programma ci saranno infatti eventi dedicati alla promozione di stili di vita sani, buona alimentazione,Read More


6 regole per migliorare la qualità della vita

correre-allunga-la-vita

Esattamente come il cibo, l’attività fisica allena le cellule a disattivare i geni pro-infiammatori e ad attivare quelli della longevità, sia l’esercizio fisico che l’alimentazione, al pari dell’alimentazione, può modificare l’espressione dei geni. Danno vita così a 6 regole, che insieme possono migliorare la qualità di vita. 1. E’ consigliabile effettuare 3 allenamenti la settimana. 2. Rispettare l’intervallo tra gli esercizi sportivi con un allenamento ad alta intensità con la massima quantità di ossigeno che i muscoli consumano al minuto, seguito da 3-4 minuti di recupero. 3. Allenarsi a stomaco vuoto, poiché loRead More


Correre: Colazione prima o dopo l’allenamento?

12

Consumare un’abbondante colazione al mattino è buona abitudine per chiunque,  anche per gli sportivi. Esistono però diverse idee contrastanti: Mangiare o non mangiare prima dell’allenamento mattutino? Diversi “coach” insegnano a correre senza colazione per migliorare le  prestazioni in gara dei corridori. Correndo senza colazione, infatti, l’organismo ha meno glucosio e quindi brucia più grasso. Abituando l’organismo a questa pratica si brucerà più grasso rispetto al glucosio durante lo sforzo fisico e si avranno performance migliori con un consistente miglioramento della resistenza fisica. Altri sostengono, invece, che la colazione è un pasto indispensabile per ottenere buone performanceRead More


L’attività fisica alleata contro i disturbi alimentari?

sport-depressione-620x350

La dottoressa Carmela Bagnato, dietologa dell’asl di Matera, ha spiegato che associare il movimento alla sana alimentazione è fondamentale anche per la mente. “Prima di tutto – ha spiegato il medico – c’è distinzione tra attività fisica e sport. Ai fini della prevenzione è sufficiente dell’attività fisica, va bene anche solo camminare a passo veloce per 45 minuti almeno per 5 giorni alla settimana. Naturalmente, è un discorso valido per persone giovani, adulte e sane, perché in presenza di patologie o di invecchiamento le raccomandazioni sono diverse ed è beneRead More


Quanti e quali benefici porta andare al lavoro in bicicletta?

Businesspeople riding bicycles in city street

Da uno studio dell’Università di Glasgow pubblicato dal British Medical Journal, è emerso che chi va al lavoro in bici ha un rischio inferiore del 45% di avere un tumore e del 46% di avere una malattie cardiaca rispetto a chi usa l’automobile o i mezzi pubblici. Per chi invece va a piedi è stato rilevato un rischio inferiore del 27% di avere un problema al cuore e del 36% di morirne, mentre non è stato visto nessun effetto sul rischio di tumore o su quello generale di morte, cheRead More


Aprile dolce dormire?

Bambina-che-dorme

Come spiega il pediatra di Milano Italo Farnesani  il mese di Aprile comporta disturbi del sonno per 350 mila minori tra i 2 e i 18 anni. I bambini faticano ad addormentarsi e rimanendo svegli aumentano le idee ansiogene che favoriscono l’insonnia. La spiegazione di questi disturbi è da ricercare nella ghiandola endocrina del cervello che viene stimolata con l’allungarsi delle giornate, inibendo così la melatonina e accelerando i processi vitali. Spiega il pediatra che avendo l’organismo sveglio,i bambini hanno forte  bisogno in questi periodo di scaricare le energie edRead More