Psicologia

 
 
image_pdfimage_print

E’ possibile combattere la depressione con un videogame?

videogiochi

Uno studio condotto presso l’Università di Davis, negli Usa, e pubblicato sulla rivista Computers in Human Behavior ha proposto di giocare con un videogame per sconfiggere la depressione. Lo studio ha coinvolto 160 giovani che soffrivano di depressione lieve. Sono stati spronati a giocare con costanza per 3-6 minuti al giorno con una app per la stimolazione cognitiva (brain training) riadattata in forma di videogioco. E’ risultato che più i volontari giocavano, maggiore era la loro percezione di riuscire a controllare la depressione. Gli effetti erano più evidenti tra coloro con disturbo depressivoRead More


Lo sport è consigliato durante la chemioterapia?

ginnastica-posturale

La ginnastica e la terapia psicologica sono risultate migliori dei farmaci contro la fatica dovuta alla chemio. A rivelarlo è stata una ricerca condotta da scienziati della University of Rochester pubblicata sulla rivista JAMA Oncology. La fatica è uno degli aspetti più invalidanti per i pazienti oncologici che seguono la chemioterapia e potrebbe addirittura minare la riuscita stessa delle cure. Gli esperti hanno analizzato i dati relativi a quasi 12 mila pazienti oncologici – per il 53% donne con cancro al seno – e confrontato l’efficacia di ginnastica, terapia psicologica, e farmaci controRead More


Dipendenza dalla marijuana. Sai riconoscerla? Fai il test!

fumo

Tuo figlio è dipendente dalla marijuana? L’associazione Naconon mette a disposizione degli utenti online, gratuitamente, un semplice test per riflettere sui nostri figli, sul loro comportamento in famiglia e su alcuni segnali che sarebbe meglio non trascurare. Uno spunto per una riflessione ulteriore anche sul modo di essere genitori e su quali domande porsi per poter esaminare il comportamento dei figli e scorgere comportamenti e stili di vita non salutari.   CLICCA E INIZIA IL TEST    


La nostalgia può essere un’alleata contro il fumo?

thinkstockphotos-469968452

La nostalgia può aiutare quando si decide di smettere di fumare, questo è quanto è emerso da uno studio della Michigan State University, pubblicato sulla rivista Communication Research Reports. La ricerca è stata svolta su fumatori di età compresa tra i 18 e i 39 anni, ad alcuni dei quali sono state sottoposte delle campagne che erano una sorta di pubblicità progresso, quindi pensate per far riflettere sull’argomento. Le pubblicità comprendevano immagini di ricordi dell’infanzia, con frasi utili a ricordare momenti sereni con riferimenti a odori familiari e sapori passati. Al termine, unRead More


Cannabis e suicidio. Esistono correlazioni? Il parere degli esperti: Emanuele Scafato

WCENTER 0JGEAEQBHI                ©Monaldo/Lapresse DROGA: CONSENTITI 15-20 SPINELLI, 5 DOSI COCAINA E 10 EROINA 500 mg di cannabis, 750 mg di cocaina, 250 mg di eroina, 750 mg di MDMA (ecstasy), 500 mg di anfetamina e 150 mg di Lsd, queste le quantitˆ massime autorizzate per uso personale

Il caso da poco verificatosi, nel quale un ragazzo di soli 16 anni, a seguito di denuncia da parte della madre, si è trovato durante una perquisizione da parte della Guardia di Finanza, cosa che ha causato il suicidio del ragazzo, pone degli interrogativi delicati e inquietanti. Sembrano però aumentare, tra i giovani, casi di violenza e autolesionismo. “Conosco molti genitori che “coprono” i figli o fanno finta di nulla pur sapendo che il figlio o la figlia si fa le canne” dice Emanuele Scafato, dell’Istituto Superiore di Sanità. “BisognerebbeRead More


Sbagliando si impara?

fazioli1

Uno studio condotto da Alice Mado Proverbio, docente di Neuroscienze cognitive presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca ha rivelato che sbagliando si impara, anche se a sbagliare sono gli altri, osservare gli errori altrui, infatti, stimolerebbe i meccanismi cerebrale di correzione dell’errore, contribuendo così all’apprendimento. Le sperimentazioni hanno coinvolto 10 giudici esperti e 24 partecipanti sottoposti a elettroencefalografia: 12 pianisti professionisti e 12 studenti universitari senza una specifica educazione musicale. Ognuno di loro ha visualizzato di video nei quali venivano mostrate un paio di mani nell’atto del suonare,Read More


Cosa si può fare per migliorare il proprio umore?

Portrait of happy young couple with towels standing together in gym

Un maxi-studio, pubblicato sulla rivista Plos One, durato circa 17 mesi, condotto da esperti della University of Cambridge in Inghilterra e che ha coinvolto oltre 10 mila individui, ha rivelato che fare attività fisica, camminare o fare una corsetta durante la giornata migliorerebbe l’umore. Gli esperti hanno utilizzato una app in grado di raccogliere sia dati oggettivi dell’attività svolta nel corso della giornata, sia dati sull’umore della persona, tramite dei questionari. E’ emerso che se nell’ultimo quarto d’ora l’individuo era attivo fisicamente (attività registrata tramite un contapassi), il suo livello di felicitàRead More


Lo sport può creare dipendenza?

reloj-movimiento

Per alcune persone lo sport costituisce una vera e propria fissazione senza la quale la loro vita sarebbe vuota. Per queste persone l’attività fisica ha lo stesso effetto della droga ed influenza tutta la loro vita, arrivando a mostrare i sintomi dell’astinenza, con malesseri fisici e psicologici. Gli anglosassoni parlano di “exercise addiction”, ed è una vera e propria dipendenza dall’attività fisica. Una sindrome – spiega Florinda Maione, psicoterapeuta e presidente della Società Italiana Intervento Patologie Compulsive – in cui si riconosce il sintomo principale delle dipendenze, ovvero l’incapacità di concentrarsi su un’attività aRead More


Nuova scoperta che potrebbe prevenire la depressione in gravidanza

donnaincinta-590x442

Da uno studio dell’Ohio State University Wexner Medical Center, pubblicato su Psychoneuroendocrinology è emerso che il livello di una proteina del cervello, il fattore neutrofico cerebrale (Bdnf), potrebbe essere una spia importante per la depressione durante la gravidanza. Il livello di tale proteina durante la gestazione cambia, ma se cala rapidamente, specialmente in momenti specifici, potrebbe aumentare il rischio, portando problemi relativi anche allo sviluppo del bambino. Segue in basso I ricercatori hanno prelevato campioni di sangue da 139 donne durante e dopo la gravidanza e hanno osservato che iRead More


Saldi: come combattere lo shopping compulsivo?

shopping-online-donna-e1417424819878

Lo “shopping compulsivo” è una vera e propria patologia che colpisce soprattutto le donne. A fornire una dimensione del disturbo psichiatrico è lo psichiatra Michele Cucchi, direttore sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano, secondo cui all’origine del problema c’è un costante bisogno di gratificazione emotiva che si tenta di soddisfare con l’acquisto compulsivo. “Esiste una vera e propria patologia legata allo shopping – afferma Cucchi – ed è identificata dalla incapacità di scegliere di non comprare. Le persone che soffrono di tale disagio non possono fare a meno diRead More


Cosa si intende per “selficidio”?

selfie

Sei indiani, per lo più giovani, sono in osservazione perché affetti da gravi disturbi psichiatrici causati da un uso compulsivo dello smartphone, tale fenomeno da alcuni viene definito “selficidio”. Tre pazienti sono in cura nello stesso Aiims ed altri tre nel Sir Ganga Ram Hospital, una delle ragazze ha solo 18 anni e si è presentata in ospedale per una presunta malformazione al naso, è stata successivamente trasferita nel dipartimento di psichiatria. Lo psichiatra Nand Kumar dell’Aiims ha dichiarato al giornale che i tre pazienti presi in cura “sentivano il bisognoRead More


13 app che possono aiutare milioni di persone

smartphone

Uno studio della Northwestern University pubblicato dal Journal of Medical Internet Research, basato su una piattaforma con tredici app, ognuna dedicata ad un aspetto preciso dall’ansia alla depressione ha scoperto che tale piattaforma può migliorare sensibilmente la propria salute mentale. I ricercatori hanno sperimentato la piattaforma IntelliCare su cento persone che presentavano sintomi di ansia o depressione, per due mesi. “Dopo otto settimane di utilizzo delle app diverse volte al giorno – scrivono gli autori -, tutti i partecipanti hanno riportato miglioramenti significativi della loro salute mentale”. Tra le appRead More


Come affrontare il nuovo anno senza ansia?

fuochi-dartificio-roma

Come fare ad affrontare i nuovi progetti con la giusta emotività senza l’ansia di fallire? Lo psichiatra Michele Cucchi, direttore sanitario del Centro medico Santagostino di Milano, spiega come cercare di raggiungere i propri obiettivi senza farsi abbattere dall’angoscia. 1) No rimpianti. Non lasciamo spazio a rimpianti dovuti di errori ed esperienze fatti in passato, pensiamo piuttosto ad imparare dalle difficoltà e dagli errori per migliorare il nostro futuro; 2) Sì a nuove cime. Non confondiamo obiettivi ambiziosi con elevate aspettative. L’obiettivo ci aiuta a tracciare la direzione da perseguire con volontà, l’aspettativa innestaRead More


Quali rischi corrono i giovani troppo attivi sui social?

Teenage girls photographing themselves with a mobile phone.

Una ricerca Usa, condotta da esperti della University of Pittsburgh Center for Research on Media, Technology and Health (CRMTH), ha mostrato che i giovani attivi su tanti social (fino a 11 diversi), indipendentemente dal tempo trascorso complessivamente su di essi, hanno un rischio molto più alto di ansia e depressione rispetto a coetanei per nulla attivi o che usano al massimo due sole piattaforme. L’analisi ha coinvolto un campione di quasi 1800 giovani che sono stati monitorati per vedere se presentassero segnali di depressione e ansia e a che livello. ARead More


Si possono cancellare le paure dal cervello?

conquistare-una-donna-insicura

Secondo dei dati raccolti nel corso degli anni, circa una persona su 14 è colpita da disturbi post-traumatici da stress o correlati alla paura, rappresentando un notevole ambito di impegno per i servizi sanitari destinati alla salute mentale. La strategia che viene attuata al momento è quello di adottare una terapia “di avversione”, in cui i pazienti vengono esposti alle loro fobie e sono spinti a confrontarvisi: proprio questo approccio d’urto, tuttavia, spinge molti di loro a rifiutarsi di sottoporsi alla terapia. Un team di neuroscienziati dell’Università di Cambridge, inRead More