infanzia

 
 
image_pdfimage_print

Quali benefici hanno gli animali da compagnia sui bambini?

XXXXX-1

Lo stress purtroppo non risparmia nemmeno i bambini, ma, per aiutarli a ridurlo, un animale da compagnia potrebbe essere un valido aiuto! Degli studi avevano dimostrato che cani e gatti aiutano gli adulti a ridurre lo stress, quindi per verificare se lo stesso accade per i bambini, i ricercatori dell’Università della Florida (UF) di Gainesville, guidati da Darlene Kertes, del dipartimento di psicologia, hanno selezionato per il loro studio circa 100 bimbi tra i 7 e i 12 anni. Per testare i livelli di stress, i ricercatori hanno dovuto aumentare i loroRead More


Quanto sono preparati gli italiani sulla salute dei denti dei propri bambini?

Bambini_igiene-orale

Dall’indagine EduCarie dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa (AIC), è emerso che c’è stata una ripresa per quanto riguarda la salute dentale dei bambini italiani. La ricerca è stata effettuata su mille genitori di under 14: il 90% ha dichiarato di essersi rivolto al dentista almeno una volta nell’ultimo anno. Tuttavia, oltre il 50% dei genitori ignora che l’eccesso di zuccheri o una scarsa igiene orale siano fra i maggiori responsabili delle carie e il 64% non sa che possono evolvere in pochi mesi. Appena il 20% sa cheRead More


Un cerotto contro le allergie?

Latte-asina-bambini-allergici-al-latte-vaccino

Lo affermano I risultati di alcuni studi presentati a Roma al Congresso annuale della World Allergy Organization, promosso dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, hanno affermato che in futuro un cerotto potrebbe essere in grado di vaccinare le persone allergiche agli alimenti. Negli studi finora eseguiti, questi cerotti riescono ad aumentare la tolleranza per le arachidi e per il latte. Il trattamento viene ben tollerato senza reazioni allergiche, ma in alcuni pazienti si è osservato un aumento delle reazioni cutanee eczematose locali. Al momento il metodo più usato per coloro che soffrono di gravi allergieRead More


L’attività fisica alleata contro i disturbi alimentari?

sport-depressione-620x350

La dottoressa Carmela Bagnato, dietologa dell’asl di Matera, ha spiegato che associare il movimento alla sana alimentazione è fondamentale anche per la mente. “Prima di tutto – ha spiegato il medico – c’è distinzione tra attività fisica e sport. Ai fini della prevenzione è sufficiente dell’attività fisica, va bene anche solo camminare a passo veloce per 45 minuti almeno per 5 giorni alla settimana. Naturalmente, è un discorso valido per persone giovani, adulte e sane, perché in presenza di patologie o di invecchiamento le raccomandazioni sono diverse ed è beneRead More


Presenza di gatti e cani nei primi mesi di vita, sì o no?

gatti-e-bambini

Uno studio pubblicato sulla rivista Microbiome, ha evidenziato che la convivenza dei neonati con cani e gatti è in grado di portare una protezione contro sovrappeso ed allergie, anche per bimbi nati con cesareo o che non vengono allattati al seno. Offrirebbe inoltre protezione dal rischio di trasmissione di Streptococco B, causa di polmonite nei neonati, durante il parto. I ricercatori dell’Università di Alberta, in Canada, hanno analizzato l’esposizione agli animali domestici nel grembo materno e fino a tre mesi dopo il parto in circa 800 bimbi, somministrando un questionarioRead More


C’è davvero una correlazione tra acidi grassi omega 3 e l’intelligenza dei neonati?

bambini-e-neonati-saggezza-popolare

Gli acidi grassi omega 3 non sembrerebbero rendere i neonati più intelligenti se assunti nel latte artificiale, lo ha afferma una revisione degli studi in materia pubblicata dalla Cochrane Collaboration. I ricercatori hanno combinato i dati di 15 studi per un totale di 1900 bambini, in cui sono stati confrontati bambini che avevano assunto latte artificiale addizionato di acidi grassi insaturi, compresi gli omega 3. In alcuni studi sono stati riscontrati piccoli miglioramenti nelle capacità cognitive o nella visione nei bimbi che hanno assunto i supplementi, ma altri non hanno avutoRead More


Quali benefici possono portare 10 minuti di attività fisica al giorno nei bambini?

anhängen-abhängen-e1299600474295

I bambini dovrebbero svolgere dieci minuti di attività fisica intensa al giorno, magari anche tramite il gioco. E’ possibile così ridurre il rischio di sviluppare problemi di cuore e alcune malattie metaboliche come il diabete. Ad evidenziarlo è una ricerca internazionale guidata dal Wake Forest Baptist Medical Center, pubblicata sulla rivista Medicine & Science in Sports & Exercise, che ha analizzato i dati di 11.588 giovani, dai 4 ai 18 anni. Sono stati presi in considerazione l’età, il sesso, il livello di attività fisica e almeno un biomarcatore di rischio cardiometabolico.Read More


Succo di frutta ai bambini, sì o no?

come-preparare-un-succo-di-frutta-per-bambini_65aff1a99865504c296a6cb5145fe623

Secondo alcuni esperti potrebbero portare un maggiore rischio di obesità, ma un nuovo studio guidato dalla University of Washington di Seattle ha evidenziato che assumendoli con moderazione si può evitare l’aumento di peso. Per la ricerca, pubblicata sulla rivista Pediatrics, revisionando la letteratura scientifica gli studiosi hanno selezionato otto studi che hanno coinvolto nel complesso 34470 bambini, utilizzando il punteggio di Bmi, che metteva in rapporto l’indice di massa corporea con l’età dei piccoli. E’ risultato che un consumo giornaliero di una quantità tra 18 e 24 centilitri di succo di fruttaRead More


Lezioni di nuoto per salvare i bambini affetti da autismo

786479410-bambini-piscina

Una ricerca della Columbia University Mailman School of Public Health di New York, pubblicata su American Journal of Public Health ha suggerito che delle lezioni di nuoto potrebbero salvare la vita di molti bimbi con disturbi dello spettro autistico. Gli studiosi hanno preso in esame 32 milioni di certificati di morte, identificando 1367 persone con autismo morte tra il 1999 e il 2014, 1043 dei quali erano maschi, 324 femmine. Hanno osservato che il numero annuale delle morti per autismo in 15 anni era aumentato di sette volte. L’età media dellaRead More


Cosa rischiano i nostri occhi a causa degli smartphone?

bambino-con-smartphone

Secondo l’OMS il disturbo da occhio secchio è tra i più sottovalutati, ma con il sempre maggiore utilizzo di smartphone e tablet è oggi sempre più frequente, soprattutto fra i bambini nativi digitali, l’80% dei quali già fra i 3 e i 5 anni è in grado di usare il telefonino dei genitori, l’11% a 10-11 anni ha uno smartphone e il 4% un tablet. La sindrome da occhio secchio comporta bruciore e prurito insistente, lacrimazione irregolare e nei casi più gravi dolore e fastidio come se ci fosse la presenza diRead More


Scopri il “test dei 20 metri” per la prevenzione del cuore dei bambini

malattia-sever-tallonite-noene

Grazie al “test dei 20 metri” o “Shuttle Run Test” è possibile capire se un bambino è a maggior rischio di sviluppare malattie cardiovascolari in futuro. Il test consiste nel correre coprendo una certa distanza a una velocità che cresce progressivamente, una prima valutazione può essere effettuata a scuola dall’insegnante di educazione fisica. Questo è quanto è emerso da uno studio internazionale coordinato dall’Università spagnola di Grenada, pubblicato sul British Journal of Sports Medicine. I ricercatori hanno revisionato sette studi, che hanno coinvolto complessivamente 9mila bimbi e adolescenti, di età compresa tra gliRead More


Fruttosio paragonabile all’alcol per i suoi effetti sulla salute?

Breakfast

I ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù sostengono che il fruttosio potrebbe scatenare effetti simili a quelli dell’alcol nel fegato dei bambini, i risultati dell’indagine sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of Hepatology. Ogni grammo in eccesso rispetto al fabbisogno giornaliero di circa 25 gr. sarebbe in grado di accrescere di una volta e mezza il rischio di sviluppare gravi malattie epatiche, poiché a differenza del glucosio, che può essere utilizzato quasi da ogni cellula del nostro corpo, il fruttosio può essere metabolizzato solo dal fegato. Lo studio è stato condotto tra ilRead More


15 febbraio, XV Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile

palloncini

Il 15 febbraio si celebra la XV Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile. La Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica, alle ore 11, presso il reparto di Pediatria del Policlinico Umberto I di Roma, lancerà in aria palloncini per porre l’accento sulla loro situazione. Ogni anno in italia il tumore colpisce oltre 2.000 tra bambini e adolescenti; questi ultimi purtroppo con dati in forte crescita. Per il Presidente della Federazione, Angelo Ricci, la Giornata mondiale contro il cancro infantile è un’importante occasione per riaffermare l’impegno dei genitori nella prevenzione eRead More


Maxi studio genetico: novità riguardanti i disturbi dello sviluppo dei bambini

1451497323_Il-DNA-e-la-privacy-così-si-riempono-gli-obitori

Durante il più grande studio genetico mai condotto in materia di disturbi dello sviluppo nei bambini sono stati individuati quattordici nuovi geni che potrebbero esserne responsabili . La maxi ricerca è stata realizzata da 200 genetisti del Regno Unito e ha sequenziato l’esoma di 4.293 famiglie che avevano un membro con un grave disturbo dello sviluppo di cui non era nota la causa, per scoprire le variazioni genetiche associate. Anomalie congenite provocano ogni anno 300mila morti al mondo, per oltre il 50% non se ne conosce la causa genetica. LoRead More


Scoperta una proteina in grado di fermare il tumore cerebrale dell’infanzia

Group of five preschool kids laughing

Ricercatori italiani hanno scoperto una proteina che agisce contro il medulloblastoma: la ‘chemokina Cxcl3’ sarebbe infatti in grado di bloccare il tumore cerebrale dell’infanzia. L’equipe ha dimostrato che dopo il trattamento con Cxcl3 il medulloblastoma non si forma più o scompare completamente. Il medulloblastoma “è il più diffuso tumore cerebrale dell’infanzia – spiegano gli esperti – e, nonostante l’accettabile tasso di sopravvivenza, la tossicità dei trattamenti oggi in uso, in particolare la radioterapia, lascia nei pazienti danni gravi, tra cui disturbi cognitivi permanenti e neoplasie secondarie”. Segue in basso “GiàRead More