fegato

 
 
image_pdfimage_print

Immunoterapia e cancro del fegato

immunoterapia1

Il cancro del fegato solo nel 2016 ha colpito 12.800 italiani e non più del 10% delle diagnosi è in stadio iniziale. Contro questo tipo di tumore la nuova “arma” è l’immunoterapia, che risveglia il sistema immunitario per combattere le cellule cancerose e sta dimostrando la sua efficacia: la molecola immunoterapica nivolumab ha infatti evidenziato di ridurre le dimensioni del tumore avanzato e pretrattato e di aumentare la sopravvivenza dei pazienti. Uno studio di fase I-II presentato al recente congresso della Società europea per lo studio del fegato ha, infatti, evidenziatoRead More


Fruttosio paragonabile all’alcol per i suoi effetti sulla salute?

Breakfast

I ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù sostengono che il fruttosio potrebbe scatenare effetti simili a quelli dell’alcol nel fegato dei bambini, i risultati dell’indagine sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of Hepatology. Ogni grammo in eccesso rispetto al fabbisogno giornaliero di circa 25 gr. sarebbe in grado di accrescere di una volta e mezza il rischio di sviluppare gravi malattie epatiche, poiché a differenza del glucosio, che può essere utilizzato quasi da ogni cellula del nostro corpo, il fruttosio può essere metabolizzato solo dal fegato. Lo studio è stato condotto tra ilRead More


Che conseguenze ha l’obesità infantile sul fegato?

bimbo-obeso

E’ ormai risaputo che la cattiva alimentazione sia la causa dell’obesità infantile e delle malattie croniche che ne derivano, tra queste, la Sindrome metabolica con le relative conseguenze a carico del fegato, che è stata al centro di una ricerca pubblicata sulla rivista Plos One, che ha studiato le implicazioni dell’organo quando in età pediatrica prevale una dieta a base di “cibo spazzatura” e  zuccheri. Per permettere lo studio, ispirato dalle ricerche condotte su cavie di laboratorio dalla Fondazione Italiana Fegato – FIF, è stato sviluppato un modello in grado di riprodurre l’insorgenza della sindrome metabolica inRead More


Proteggere il fegato con l’attività fisica!

1444033254_esercizi-em-600x335

John P. Thyfault, professore di Fisiologia molecolare e integrata all’Università del Kansas Medical Center, ha affermato in maniera critica “Molti medici credono che l’esercizio fisico possa influenzare soltanto cuore e muscoli, ma si sbagliano”. Secondo numerosi studi, infatti, anche il fegato, il principale organo regolatore del metabolismo, trae moltissimo giovamento dalla pratica di un’attività fisica. Quando si assumono calorie in eccesso rispetto al fabbisogno nutrizionale, si provoca un aumento dei trigliceridi nel sangue che, se presenti in quantità troppo elevata, si accumulano all’interno delle cellule epatiche, provocando la cosiddetta “sindromeRead More