Home»Maternità»La moda di mangiare la placenta delle star che sta influenzando le neomamme

La moda di mangiare la placenta delle star che sta influenzando le neomamme

0
Shares
Pinterest Google+

Un nuovo studio condotto nell’Università Nevada di Las Vegas ha dimostrato che l’assunzione di capsule di placenta (e in alcuni casi dell’assunzione della propria placenta dopo il parto), in voga fra le star, abbia un effetto minimo o nullo sull’umore postpartum, sul legame materno o sull’affaticamento dovuto alla maternità.

Il consumo di placenta dopo il parto è una tendenza sempre più diffusa nei paesi industriali, come il Regno Unito, la Francia, la Germania, l’Australia e gli Stati Uniti.

La pratica sembrava essere più comune in caso di nascita a casa ma ora si sta diffondendo dopo le nascite in ospedale.

Fra le prime a parlarne sui propri social sono state le sorelle Kardashian, Kim e Kourtney.

Ma uno studio precedente a quest’ultimo, condotto dalla Northwestern University e pubblicato sugli Archives of Women’s Mental Health, non ha rilevato alcun reale motivo per consigliare l’assunzione di placenta.

I sostenitori della pratica sostengono che, poiché la placentofagia materna è comune nei mammiferi in tutta la natura, allora offre alcuni benefici anche alle madri umane.

Lo studio attuale, che ha coinvolto 12 donne che hanno assunto capsule di placenta e 15 che hanno assunto pillole placebo nelle settimane successive al parto, è stato condotto da ricercatori del Dipartimento di Antropologia e Scuola di Medicina dell’UNLV.

Il team di ricerca ha testato l’efficacia delle capsule di placenta nel promuovere vari benefici per la salute, tra cui la comparsa dell’inizio del “baby blues” post-partum e la depressione delle neo-mamme. I risultati del nuovo studio scoprono che tali affermazioni non sono chiaramente supportate.

Il lavoro del gruppo di ricerca ha tuttavia notato che l’ingestione di capsule di placenta produceva piccoli ma rilevabili cambiamenti nelle concentrazioni ormonali delle madri.

Già l’anno scorso, il team ha pubblicato uno studio che dimostra che il consumo di placenta incapsulata non era consigliabile come fonte di ferro, a differenza di ciò che affermavano i sostenitori.

Fonte: Ansa

Previous post

Dieta vegan mediterranea, le linee guida

Next post

Bambini e vaccini, come passa la paura?

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *