Aumentano i giocatori patologici online. Riconoscere i casi, prevenzione, cura

online

onlineNelle pubblicità che sempre più spesso trattano il tema del gioco d’azzardo sui PC, il gioco viene presentato (talvolta da volti noti della TV) come un normalissimo passatempo che non solo allieta la nostra giornata e ci permette di divertirci al computer, ma ci permette anche di arrivare a cospicui guadagni spendendo poco. Da un’indagine del Cnr però, in circa 1 milione di persone in Italia può configurarsi la dipendenza patologica, una dipendenza che condiziona come qualsiasi droga, perché produce euforia, eccitazione, e soprattutto dipendenza con vere e proprie crisi di astinenza. Ogni hanno si spendono circa 20 miliardi di euro, e il pubblico giovanile è in forte crescita. Molto spesso accade che i genitori non sappiano di questo utilizzo dei PC da parte dei giovani; anche perché il gioco è possibile anche sugli smartphone.

ilvillaggio2016Ovviamente il gioco in sé non è malattia, ma passare molto tempo a giocare, con intensità crescente, senza riuscire a staccarsi dal computer, reagendo in maniera incongrua se privati del gioco, configura dipendenza.

Perché si entra nel vortice del GAP? Talvolta recependo il piacere nel gioco dai genitori o amici, oppure a causa di debiti contratti e da onorare.

Il fenomeno non è da sottovalutarsi, considerati gli effetti in termini di aggressività, stress, malumore, distrazione, depressione, talvolta tendenza a comportarsi in maniera asociale, criminosa o con tendenze autolesioniste, fino al rischio di suicidio.

Cosa fare?

Nei casi più lievi occorre operare perché il gioco non si trasformi in dipendenza patologica, evitando la ripetitività e distanziando nel tempo, giocando occasionalmente, e magari in compagnia. Lo psicologo ci aiuterà ad affrontare il tema, trovando un giusto equilibrio con la quotidianità.

Nel caso di vera e propria dipendenza chiediamo aiuto allo psichiatra, affinché si riesca a superare le crisi di astinenza dovute alla carenza di adrenalina e serotonina che l’organismo produce in quelle circostanze. Anche lo psicologo sarà di grande utilità per ripristinare la normalità e affrontare le cause che hanno determinato il GAP.

image_pdfimage_print






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*